immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Ha sparato alla moglie e poi ha rivolto la pistola verso se stesso e ha premuto il grilletto. È un omicidio-suicidio quello che secondo gli inquirenti si è consumato nella serata di ieri a Castiglione Torinese, comune della provincia del capoluogo piemontese: le vittime sono un pensionato di 69 anni, Carlo Marengo e la moglie di due anni più grandi di lui Rachele Olivieri, 71 anni.

L'anziano ha ucciso anche il cane di famiglia

L'allarme è scattato intorno alle 22 di ieri sera quando è stato chiesto l'intervento del 118 e dei carabinieri in una villetta in via San Grato da parte del figlio della coppia che, non riusciendo a mettersi in contatto telefonico con i genitori, ha raggiunto la loro abitazione facendo la macabra scoperta. Sul posto sono giunti i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Torino e della Compagnia di Chivasso che hanno rinvenuto in casa il cadavere del proprietario e poco distante dal suo anche quello della moglie. Secondo i primi accertamenti effettuati sul posto l'anziano avrebbe impugnato la pistola, regolarmente detenuta, per uccidere prima la moglie e il cane e poi per suicidarsi.

L'uomo soffriva di depressione

Entrambi i cadaveri erano al piano terra della villetta: la donna è stata trovata morta in cucina, mentre il marito nel disimpegno. In cucina è stato trovato morto anche il cane, un golden retriever e, vicino all'animale, i carabinieri hanno invece trovato l'arma utilizzata dal pensionato, una pistola di piccolo calibro. Al piano di sopra vive il fratello, che non ha sentito nulla, secondo quanto riportato dai carabinieri. Intanto si cerca di ricostruire l'accaduto mentre sembra che l'uomo combattesse da tempo contro la depressione.