È giorno di lutto e dolore a Vittoria dove l'intera comunità locale si stringe intorno alla famiglia del piccolo Simone D'Antonio, il ragazzino di 11 anni morto in ospedale dopo essere stato investito con il cuginetto da un suv guidato dal pregiudicato Rosario Greco mentre giocavano davanti alla porta di casa nel centro storico della cittadina in provincia di Ragusa. Oggi mercoledì 17 luglio infatti è il giorno dei funerali dell'undicenne, deceduto domenica proprio mentre si celebravano i funerali dell'altra vittima di questa assurda tragedia, il cuginetto Alessio. Simone, che era stato sottoposto anche ad una delicata operazione chirurgica di amputazione di entrambe le gambe, ha lottato fino all'ultimo prima di spegnersi per sempre. Ad occuparsi del rito è un'agenzia funebre diversa da quella delle esequie di Alessio dopo le polemiche per la vicinanza della stessa ad uno degli occupanti del Suv protagonista del dramma. A scegliere è stato lo stesso commissario straordinario che è al comando del comune siciliano dopo lo scioglimento del consiglio comunale

Funerali di Simone celebrati dal Vescono: presente Di Maio

Dopo un lunga veglia da parte di parenti e amici attorno alla bara bianca cominciata lunedì sera con la riconsegna della salma ai familiari dopo l'autopsia, i funerali di Simone saranno celebrati alle 16 di oggi nella Chiesa di San Giovanni Battista. Ad officiare il rito funebre , come avvenuto anche per il cuginetto Alessio sarà il vescovo di Ragusa Carmelo Cuttitta. Alle esequie, oltre alle autorità locali, sarà presente anche il vicepremier Luigi Di Maio. che come comunicato dal suo ufficio stampa, per l’occasione ha annullato tutti gli appuntamenti in agenda. “È così grande la rabbia che viene da dire che per uno così non basta nemmeno il carcere. Non sei un essere umano se investi due bambini in quel modo. Poi fuggi e non presti soccorso. Mi viene la pelle d'oca solo a pensarlo” aveva commentato il Ministro del Lavoro alla notizia del decesso di Simone.

In attesa di conoscere i risultati dell'autopsia, intanto resta in carcere Rosario Greco, il 37enne arrestato all'alba di sabato scorso dopo avere falciato e con il suo suv Simone e Alessio. Dopo l'interrogatorio di garanzia in carcere, Il gip di Ragusa infatti ha convalidato l'arresto dell'uomo, predisponendo anche la custodia cautelare in carcere. L'uomo deve rispondere del reato di duplice omicidio stradale aggravato perché sotto effetto di alcool e droga, omissione di soccorso e porto d'armi atte a offendere.