La sua foto col dito medio alzato e un sorriso sornione pubblicata sul manifesto funebre che annunciava la sua scomparsa è diventa virale sui social facendo molto discutere ma quando la famiglia di Irma Filomena Nanni si è trovata in quel triste momento in cui scegliere lo scatto fotografico della congiunta deceduta in realtà non ha avuto esitazioni. A raccontarlo è stata la figlia di nonna Irma, Daniela Mancini. “Quando con i miei figli ci siamo messi a cercare negli album delle fotografie quella più adatta da mettere sulla lapide, non ci abbiamo pensato due volte” ha spiegato infatti la donna a Il Messagero, assicurando: “Quel dito medio non era un messaggio offensivo per qualcuno ma solo il simbolo del suo carattere: lei è sempre andata avanti per la sua strada, senza pensare più di tanto al giudizio della gente e quella foto la rappresenta perfettamente”.

“Non è stata una disposizione sua, ma mia e dei miei figli” ha raccontato Daniela che anzi ha dovuto anche insistere con le pompe funebri per farsi pubblicare lo scatto. “Quando abbiamo portato la foto all'agenzia funeraria, uno degli addetti ci ha sconsigliato di stamparla chiedendoci un'altra foto. Ci siamo rifiutati, quella era mia madre e nessun'altra immagine avrebbe potuto rappresentarla” ha dichiarato Daniela. Del resto come sempre lei ha racontato, la madre le ha sempre insegnato che non bisogna mollare. “Mia mamma è nata nell’epoca sbagliata, è stata una specie di femminista ante litteram, aveva una grande apertura mentale, ed era un tipo originale. A noi figli ha sempre detto: ‘non fatevi mettere i piedi in testa da nessuno’” ha raccontato la figlia di nonna Irma.