5.731 CONDIVISIONI
27 Agosto 2021
17:03

Muore sbranata da 15 cani: “Non erano randagi ma a guardia di un gregge”. Indagato un pastore

Appartengono a un pastore i cani che hanno sbranato e ucciso ieri pomeriggio nel Catanzarese la 20enne Simona Cavallaro mentre passeggiava in una pineta a Satriano. Il pastore e proprietario è stato iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo. Illeso l’amico che era con la vittima, riuscito a sfuggire alla violenza del branco di cani.
A cura di Chiara Ammendola
5.731 CONDIVISIONI
Simona Cavallaro
Simona Cavallaro

Erano dieci, secondo alcuni testimoni forse anche 15, i cani che ieri pomeriggio hanno aggredito e sbranato Simona Cavallaro, la ragazza di 20 anni, residente a Soverato, in Calabria, morta a causa delle ferite riportate. La giovane stava passeggiando in compagnia di un amico  in una pineta nel cuore della pineta della zona di Monte Fiorino, nel territorio comunale di Satriano, quando è stata attaccata dai cani.

Il pastore individuato dai carabinieri

Non erano randagi, ma appartenenti a un pastore che in quella zona fa pascolare il suo gregge: l'uomo è stato individuato dai carabinieri di Soverato che da ieri si sono messi al lavoro per tentare di ricostruire l'accaduto. Stando a quanto si apprende è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio colposo. Due dei cani sarebbero già stati individuati, si tratta di pastori maremmani che sul manto portavano ancora tracce di sangue: i veterinari stanno verificando se possiedano il chip. Altri cani erano stati notati ieri dai militari intervenuti dopo la chiamata dell'amico della vittima ma sono fuggiti quando i carabinieri hanno esploso dei colpi in aria per allontanarli: tutti erano infatti piuttosto aggressivi. Le indagini ora dovranno chiarire se quei cani e il gregge che accompagnavano poco distante stessero pascolando in aree consentite o meno. Da quello che emergerà dagli accertamenti sarà poi definita la posizione del pastore.

Il padre di Simona: Le nostre vite saranno distrutte

Sotto choc il ragazzo che era con Simona che alla vista dei cani è fuggito ed è riuscito a trovare riparo in una baita poco lontano dalla quale ha poi avvertito le forze dell'ordine e i soccorsi. Purtroppo però quando i sanitari del 118 sono giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della giovane: troppo gravi le ferite riportate durante l'attacco dei cani. "La mia amata figlia Simona è venuta a mancare su questa vita terrena, il mio dolore è immenso come se avessero esportato metà del mio corpo – le prime parole del padre di Simona, il gioielliere Alfio che ha condiviso su Facebook un post – Simona, pura come l'acqua di fonte, solare come l'alba e il tramonto, sorridente e scherzosa come una bambina. Le nostre vite saranno distrutte".

5.731 CONDIVISIONI
Riciclaggio e frode fiscale, sequestrati quattro milioni di euro a Irene Pivetti
Riciclaggio e frode fiscale, sequestrati quattro milioni di euro a Irene Pivetti
Migranti attaccati mentre dormono dai cani della polizia lituana al confine con la Bielorussia
Migranti attaccati mentre dormono dai cani della polizia lituana al confine con la Bielorussia
7.006 di antoizzo86
Massacrato per aver difeso l’amica da uno stalker, Damiano muore dopo 15 giorni di agonia
Massacrato per aver difeso l’amica da uno stalker, Damiano muore dopo 15 giorni di agonia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni