Lo schianto con la moto, poi 15 minuti di agonia “ripresi in diretta Facebook da un passante in un video drammatico, poi fortunatamente rimosso”. I fatti sono avvenuti Chieti, dove il 49enne infermiere militare Ottavio De Fazio ha perso la vita sulla statale 5 che collega Raiano a Castelvecchio Subequo. A riportare la vicenda è Il Messaggero. Il centauro era un luogotenente dell’Esercito in servizio ad Ascoli che era tornato da Piacenza, dove aveva lavorato in prima linea nell’ospedale da campo anti-coronavirus.

Secondo quanto ricostruito, De Fazio e gli amici erano usciti in moto e stavano percorrendo la strada statale 5 che collega Raiano a Castelvecchio Subequo, in provincia di Chieti, quando, nei pressi del belvedere di Raiano, ha perso il controllo della sua motocicletta, andando a urtare il guard rail. Finito a terra, è stato soccorso da un automobilista e da altri motociclisti che hanno chiamato il 118 e tentato anche il massaggio cardiaco – raccontano i testimoni – per tenerlo in vita. L’impatto ha provocato una violenta emorragia interna che gli ha ostruito le vie respiratorie. Nel frattempo l’agonia di De Fazio, riporta il Messaggero, veniva ripresa da un passante fino all’arrivo dell’ambulanza e dell’elicottero del 118, sui però la vittima non è mai riuscita a salire: purtroppo non c’è stato nulla da fare.

De Fazio era un grande appassionato di motociclismo. Tornato dalla lotta al covid in prima linea era tornato in sella per affrontare le montagne dell’Abruzzo coi suoi amici.  In una foto sul suo profilo Facebook viene ritratto con la tuta bianca sulla quale si nota la scritta “infermiere Ottavio“. Una esperienza che lo aveva segnato: “Un pensiero speciale lo rivolgo a tutto il Personale Sanitario che come me ha affrontato questo pericolo e purtroppo è stato meno fortunato” scriveva.