23 Settembre 2021
13:27

Muore colpito da una carrucola in cantiere a Taormina, Antonino è l’ennesima vittima sul lavoro

Il ponteggio su cui si trovava il 58enne Antonino Cacopardo ha ceduto improvvisamente e la carrucola utilizzata per sollevare i materiali lo ha colpito con violenza alla testa. Trasportato d’urgenza al Policlinico di Messina, l’operaio edile è morto nelle scorse ore dopo una settimana di agonia.
A cura di Antonio Palma

È Antonino Cacopardo l'ennesima vittima sul lavoro in Italia. L'operaio edile di 58 anni è deceduto nelle scorse ore al Policlinico di Messina dove era stato ricoverato dopo il tragico incidente sul lavoro in cui era rimasto coinvolto il 16 settembre scorso a Taormina, sulla costa etnea della Sicilia. L'operaio, residente a  di Letojanni, nella città metropolitana di Messina, giovedì scorso era impegnato in un cantiere edile per la ristrutturazione di un'abitazione a Taormina quando è avvenuto il tragico incidente sul lavoro.

Secondo quanto ricostruito finora, per cause ancora da accertare, il ponteggio su cui si trovava il 58enne ha ceduto improvvisamente e la carrucola utilizzata per sollevare i materiali lo ha colpito con violenza alla testa lasciandolo esanime. Immediatamente soccorso dai sanitari dopo l'allarme lanciato dai colleghi presenti sul posto, le condizioni dell'uomo erano apparse subito molto gravi. La stessa centrale del 118 aveva inviato un elisoccorso con cui l'uomo era stato trasportato d'urgenza al Policlinico di Messina. Qui, nonostante i tentativi dei medici di salvarlo, purtroppo Antonino Cacopardo è spirato nella tarda serata di mercoledì dopo sette giorni di agonia durante i quali non ha mai più ripreso conoscenza.

Mentre le indagini affidate alla polizia proseguono per accertare i fatti, in sindacati lanciano l'ennesimo grido di allarme per quello che descrivono come un bollettino di guerra. “Apprendiamo dell’ennesima vittima sul posto di lavoro che allunga ancora il già drammatico bollettino di guerra che, ormai da troppo tempo, registra numeri da brivido e deve necessariamente far riflettere istituzioni,  imprese e tutte le parti interessate, che bisogna attivarsi immediatamente per arrestare questa emorragia di vite umane”. scrivono in una nota il segretario regionale della Filca Cisl Sicilia, Paolo D’Anca, e il segretario provinciale,  Pippo Famiano, aggiungendo: "I lavoratori non sono carne da macello e i ribassi d’asta non possono essere il paravento per eludere gli obblighi relativi alla sicurezza dei lavoratori e come sindacato reclamiamo condizioni di lavoro più giuste e decorose. Solo con controlli mirati si può portare più legalità nei posti di lavoro, per cui la Filca Cisl sollecita l’ispettorato del Lavoro, lo SPRESAL (Servizio Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro) e Inail ad effettuare controlli a tappeto nei cantieri. Un monitoraggio permanente soprattutto nei cantieri  privati, dove bisogna intensificare la prevenzione e soprattutto reprimere il lavoro nero,  prevedendo maggiori risorse per potenziare il numero degli ispettori perché solo cosi è possibile tentare di ridurre drasticamente il numero degli infortuni e delle morti sul posto di lavoro”.

Cade dall'impalcatura e precipita per 10 metri: operaio muore nel cantiere a Reggio Emilia
Cade dall'impalcatura e precipita per 10 metri: operaio muore nel cantiere a Reggio Emilia
Pisa, agricoltore decapitato dalle lame di una trebbiatrice: sesta vittima sul lavoro in un giorno
Pisa, agricoltore decapitato dalle lame di una trebbiatrice: sesta vittima sul lavoro in un giorno
Incidenti mortali sul lavoro: ancora 2 vittime di 47 e 37 anni a Pisa e Chieti
Incidenti mortali sul lavoro: ancora 2 vittime di 47 e 37 anni a Pisa e Chieti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni