È morta a 57 anni Sara Danius, la prima donna alla guida dell'Accademia Reale Svedese Stoccolma che assegna il premio Nobel per la Letteratura. A pochi giorni dalla vincita dell'ambito premio per Peter Handke e Olga Tokarczuk, la filologa e saggista svedese è deceduta. Danius aveva rassegnato le proprie dimissioni un anno fa in seguito allo scandalo legato al caso Mee Too che aveva coinvolto anche la prestigiosa istituzione.

A dare la notizia della scomparsa è stata la famiglia. Secondo la stampa svedese, Danius sarabbe stata malata da tempo di un tumore al cervello, un male di cui gli accademici sarebbero stati a conoscenza dal 2014. Solo l'anno prima la filologa era entrata a far parte dell'Accademia Svedese e  dal 1º giugno 2015 al 12 aprile 2018 ne è stata il segretario permanente. Le dimissioni, quell'anno, sarebbero legate al sul atteggiamento troppo poco severo nei confronti del caso di molestie sessuali che aveva investito il fotografo e regista franco-svedese Jean-Claude Arnault, marito di Katarina Frostenson, poetessa e membro dell'Accademia dal 1992, il quale ha ricevuto una condanna a due anni per stupro. Anche la moglie del fotografo si è dimessa.

L'addio all'Accademia di Danius era arrivato dopo ore di riunione di emergenza fra i membri dell'Accademia svedese, al termine del quale la donna aveva dichiarato: "L'Accademia desidera che io rinuncia alla mia posizione di segretario permanente. Mi sarebbe piaciuto continuare ma ci sono altre cose da fare nella vita".