276 CONDIVISIONI
L'omicidio Meredith Kercher
7 Novembre 2022
11:52

Meredith Kercher, l’ex pm che indagò sul caso: “Amanda Knox voleva aiutare, non è stata capita”

A 15 anni dal del delitto Perugia, in cui fu uccisa la studentessa inglese Meredith Kercher, l’ex pm Giuliano Mignini, che si occupò del caso, ha dichiarato che Amanda Knox, prima condannata e poi definitivamente assolta, “voleva anche a suo modo” dare “aiuto”. a chi indagava. Il legale di Raffaele Sollecito chiede l’espulsione di Rudy Guede.
A cura di Ida Artiaco
276 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio Meredith Kercher

Continua a tenere banco dopo 15 anni l'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese morta a Perugia, dove si trovava per motivi di studio, il primo novembre del 2007.

A parlare questa volta è stato Giuliano Mignini, il magistrato della Procura della città umbra che coordinò l'inchiesta. Intervistato nel corso della trasmissione Crimini e criminologia su Cusano Italia TV, il magistrato ha dichiarato che Amanda Knox, prima condannata e poi definitivamente assolta per l'omicidio di Perugia, "voleva anche a suo modo" dare "aiuto" a chi indagava su quanto successo.

"Aveva un atteggiamento anche scherzoso ma secondo me è stato enfatizzato questo aspetto", ha detto ancora Mignini riferendosi alla cittadina americana. "Non è stata capita secondo me", ha aggiunto. "Lei probabilmente cercava anche di esorcizzare la paura", ha sottolineato ancora l'allora pubblico ministero.

Amanda Knox e Raffaele Sollecito nel 2007
Amanda Knox e Raffaele Sollecito nel 2007

Nel corso della trasmissione è intervenuto anche l'avvocato Luca Maori, uno dei difensori di Raffaele Sollecito, anche lui condannato e poi definitivamente assolto per l'omicidio Kercher, il quale ha chiesto l'espulsione dall'Italia di Rudy Guede, tornato libero a novembre dello scorso anno dopo essere stato condannato in via definitiva per concorso in omicidio per il delitto di Perugia.

"Come vengono giustamente espulsi tunisini, nordafricani e altri soggetti non comunitari che spacciano la droga e poi vengono condannati a due-tre anni di carcere – ha detto -, non deve essere espulso un soggetto che è stato condannato per omicidio volontario aggravato? Lo prevede la legge. Un soggetto del genere non può avere un permesso di soggiorno e Rudy Guede non ha un permesso di soggiorno perché è cittadino ivoriano. Ha avuto un permesso di soggiorno temporaneo nel momento in cui è stato messo in affidamento. Il questore di Viterbo gli ha dato la possibilità di poter svolgere attività di recupero. Quindi avendo finito di scontare la pena, il permesso scade naturalmente e deve essere espulso. Il questore lo deve fare. Se il questore non lo espelle commette un reato".

276 CONDIVISIONI
208 contenuti su questa storia
Meredith Kercher, Rudy Guede parla dell'omicidio di 15 anni fa:
Meredith Kercher, Rudy Guede parla dell'omicidio di 15 anni fa: "Chi non mi crede legga gli atti"
Meredith Kercher, la sorella Stephanie:
Meredith Kercher, la sorella Stephanie: "Delusa dalla giustizia italiana, Rudy Guede non agì da solo"
Meredith Kercher, i fratelli la ricordano 15 anni dopo la morte:
Meredith Kercher, i fratelli la ricordano 15 anni dopo la morte: "I nostri genitori ora sono con lei"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni