video suggerito
video suggerito

Mara Favro scomparsa, l’ex marito: “Abbiamo perso la speranza, è passato troppo tempo”

L’ex marito di Mara Favro, la 51enne scomparsa da Susa tra il 7 e l’8 marzo scorsi: “Noi abbiamo perso la speranza. Ci sono tantissime incongruenze. Nostra figlia era al centro del suo universo, non si sarebbe mai allontanata volontariamente”.
A cura di Ida Artiaco
126 CONDIVISIONI
Immagine

"Noi abbiamo perso la speranza. Ci sono tantissime incongruenze, è passato tantissimo tempo da quel giorno". Sono queste le parole di Massimiliano, l'ex marito di Mara Favro, la mamma 51enne di Susa scomparsa lo scorso 7 marzo dopo aver terminato il suo turno di lavoro presso una pizzeria di Chiomonte. A tre mesi dalla sparizione della donna, la Procura di Torino, dopo la denuncia del fratello, ha aperto una indagine per omicidio e occultamento di cadavere. Nessuno dei suoi familiari ha ai creduto all'ipotesi dell'allontanamento volontario.

"Tutto ciò non è di buon auspicio. Io e i miei parenti non abbiamo più speranza di ritrovarla in vita. Ci sono troppe cose da capire e da definire", ha continuato l'uomo, intervistato da Pomeriggio Cinque nel corso della puntata andata in onda ieri, aggiungendo: "Nostra figlia era al centro del suo universo, e avesse fatto questa scelta per motivi di lavoro e volontariamente avrebbe avvertito", ha detto riferendosi alla possibilità che Mara si sia allontanata volontariamente.

Per Massimiliano "c'è qualcosa che non quadra, sicuramente è successo qualcosa di brutto a Mara e adesso aspettiamo che venga fatta luce". Poi, ha lanciato un appello: "Voglio fare un appello a tutte le persone che gravitano intorno a chi sa cosa è successo – ha detto l'uomo -, lo dico anche per mia figlia di nove anni. Mi rivolgo a chi vive quotidianamente a queste persone, in particolare alle donne, alle mamme le sorelle. Sono tre mesi che non riesco a sostenere lo sguardo di mia figlia perché non so mai cosa dire riguardo quello che è successo. Se sapete qualcosa, a ritrovare il suo corpo e a portare un po' di pace, parlate. Vorrei che mia figlia potesse portare un fiore sui resti di sua madre".

Di Mara Favro si sono perse le tracce la notte tra il 7 e l'8 marzo: secondo le parole del titolare e del pizzaiolo del locale dove lei lavorava, una volta finito il turno, sarebbe tornata nella propria abitazione di Susa, accettando il passaggio dello stesso pizzaiolo, e facendosi lasciare davanti a una birreria del paese. Ma poi sarebbe ritornata di nuovo alla pizzeria, con l'autostop, alla guida di un tir con targa polacca perché si era accorta di aver dimenticato le chiavi di casa. Poi, si sarebbe di nuovo avviata verso casa. Ma non ci è mai più tornata.

126 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views