Immagine di archivio
in foto: Immagine di archivio

Sparito nel nulla dopo un giro in scooter e ritrovato cadavere solo due giorni dopo nel giardino della sua stessa villetta dove è morto a seguito di un fatale incidente. È la tragica sorte toccata a un uomo salentino di 68 anni trovato senza vita questa mattina a Nardò, in provincia di Lecce. L'uomo era uscito di casa con lo scooter sabato scorso ma era sparito improvvisamente nel nulla insieme al mezzo e per giorni nessuno è riuscito a rintracciarlo. La tragica scoperta del suo corpo senza vita solo due giorni dopo, nella prima mattinata di lunedì, quando alcuni operai edili hanno ripreso i lavori nel cantiere allestito nel giardino della villetta della stessa vittima.

Come ricostruito dai carabinieri, l'uomo probabilmente era rientrato sabato sera nella casa dove erano in corso dei lavori edili a Santa Caterina, in località Vacanze Serene, sempre nel comune di Nardò, ma a causa di una manovra errata è precipitato con lo scooter all'interno della buca della piscina in costruzione e nessuno si è accorto di lui. La scoperta da parte degli stessi operai che stamattina sono giunti sul posto per riprendere i lavori. Gli operai hanno subito allertati Carabinieri e 118 ma all'arrivo ei soccorsi per l'uomo era già ormai troppo tardi. I sanitari hanno solo potuto accertarne il decesso sul posto.

Dai primi esami la morte del sessantottenne risalirebbe allo stessa giornata di sabato quando è avvenuto l'incidente.  L'uomo ha aperto il cancello della sua villetta e lo ha oltrepassato guidando lo scooter ma pochi metri dopo è precipitato con tutto il mezzo nello scavo aperto per la piscina in costruzione dove ha battuto violentemente la testa. Resta da stabilire se a provocare la sua morte sia stato un malore o la stessa caduta.