Il Ministero della Salute ha pubblicato oggi un nuovo avviso di richiamo di prodotti alimentari a causa di un possibile rischio microbiologico per i consumatori. Questa volta ad essere interessate dal ritiro dagli scaffali dei negozi sono alcune confezioni di Farina di Ceci senza glutine prodotta dalla ditta "Molino Zanone S.r.l." nello stabilimento di via provinciale Ceva, a Lisio, in provincia di Cuneo, e vendute a marchio "ZA Molino Zanone". L'avviso di richiamo  risale al 6 settembre scorso ma è stato pubblicai solo oggi, 11 settembre, sul sito del ministero della Salute nella sezione dedicata ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori. Come spiega  l'annuncio, il richiamo si è reso necessario per la possibile presenza di infestanti in alcuni lotti del prodotto in questione. Nel dettaglio, il ritiro dagli scaffali dei negozi interessa  le confezioni vendute in buste da 400 grammi ciascuna con i numeri di lotto FI00172.19A e FI00172.19B e il termine minimo di conservazione fissato al 21 giugno 2020.

Come sempre in questi casi, contemporaneamente al ritiro delle confezioni invendute dagli scaffali dei negozi, attraverso apposita cartellonistica nei negozi, è partito anche l'invito ai consumatori che avessero già acquistato alcune confezioni dei lotti interessati dal richiamo a non consumare la Farina di Ceci ma a riportarla al punto vendita dove è stata acquistata. Sarà compito della ditta Molino Zanone poi ritirare la merce. Gli infestanti che attaccano comunemente gli alimenti comprendono un gran numero di specie e sono noti come insetti e acari delle derrate alimentari. La loro presenza causa il degrado dell’alimento e può inoltre modificarne le proprietà fisiche e chimiche, rendendolo inadatto al consumo umano.