È drammatica la storia che arriva dalla zona di Nardò, nella provincia di Lecce. È la storia di tre componenti della stessa famiglia scomparsi a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro. È morto il figlio e pochi giorni dopo lo hanno "raggiunto" i genitori, prima il papà e poi la mamma. A raccontare la storia della famiglia Gioffreda è La Gazzetta del Mezzogiorno. Il primo a morire è stato Angelo Gioffreda, cinquanta anni, che da tempo combatteva contro una malattia. I suoi genitori, che vivevano con lui, lo hanno sostenuto nella sua battaglia fino al suo ultimo giorno. “Non piangete, sarò l’angelo invisibile della famiglia”, avevano fatto scrivere sul suo manifesto funebre. Una decina di giorni dopo il funerale del cinquantenne, celebrati il 29 gennaio scorso, è venuto a mancare il padre di settantasei anni. L’uomo si è spento all’alba nel suo letto: descritto come un uomo forte, secondo tanti in paese Paolo Antonio “è morto per il dispiacere” della scomparsa del figlio.

La mamma di Angelo morta il giorno dopo il funerale del papà – I funerali dell’uomo si sono svolti nella stessa chiesa a Boncore, in cui avevano poco prima dato l’ultimo saluto al figlio, l’11 febbraio scorso. E solo poche ore dopo la famiglia ha vissuto l’ennesimo lutto. Nella mattinata del 12 febbraio è deceduta anche Immacolata, la mamma di Angelo, una donna di settantacinque anni. Secondo quanto racconta il quotidiano, la signora stava poco bene, ma sicuramente nessuno si aspettava che la situazione precipitasse così in fretta. I suoi funerali sono stati celebrati nel pomeriggio di ieri, 13 febbraio, sempre nella chiesa di Boncore.