939 CONDIVISIONI
16 Settembre 2017
20:19

La madre: “Non dovete tagliarmi il cordone ombelicale, deve cadere da solo”: interviene procura

I fatti in un ospedale di Udine. La donna, per motivi religiosi, era convinta che il distacco doveva avvenire naturalmente; ma il neonato cominciava a mostrare segni di sofferenza. Il pm: “Triste segno dei tempi che dimostra a che punto è arrivata la medicina preventiva”.
A cura di Biagio Chiariello
939 CONDIVISIONI

Era convinta che si sarebbe dovuto staccare da solo. Per questo una donna, neo mamma, ha rifiutato il taglio del cordone ombelicale da parte dei medici che, senza sapere cosa fare, hanno chiamato la Procura. Nemmeno quando il suo bambino, appena nato, ha cominciato a mostrare segni di sofferenza fetale, la donna ha messo da parte le sue convinzioni e il suo credo religioso. La vicenda si è verificata nella sala parto di un ospedale della provincia di Udine. A parlarne è stato il procuratore capo del capoluogo friulano, Antonio De Nicolo, che spiega il fatto come “un segno triste dei tempi, che dimostra a che punto è arrivata la medicina preventiva”.

Già prima del parto la futura madre aveva dichiarato allo staff sanitario il proprio rifiuto ad un eventuale taglio cesareo. Quando le condizioni del neonato, venuto alla luce poco prima in buona salute, hanno cominciato a peggiorare per il mancato distacco del cordone ombelicale, i medici hanno telefonato al magistrato di turno: la risposta è stata ovvia e immediata: proteggerlo. “Ovviamente – ha aggiunto de Nicolo – abbiamo risposto che devono salvare il bambino. La mission dei medici è salvare vite. Nel momento in cui sussiste un pericolo di vita, il trattamento sanitario va fatto. I medici devono essere liberi e sereni nello svolgere il loro lavoro per salvare i pazienti. Evitare le denunce è impossibile, ma qualora arrivasse, chiaramente archivieremo. Se al contrario il neonato fosse morto in assenza di intervento – ha concluso – in quel caso sì che avremmo aperto un fascicolo d’indagine”.

Secondo il capo della Procura udinese “prima di tutto deve essere la coscienza a guidare l’operato. Se uno si comporta secondo il proprio dovere non ha nulla da temere. Ma non è possibile evitare un rischio di denuncia, e questo – ha concluso – vale in tutti i settori”. E prosegue: “Chiunque è esposto al rischio delle denunce. Non lo si può evitare. Ma se uno fa il suo dovere non deve chiedere il preventivo avvallo della magistratura”.

939 CONDIVISIONI
Madre adottiva uccide bimbo di un anno a botte, nei messaggi lo offendeva: "Deve andarsene"
Madre adottiva uccide bimbo di un anno a botte, nei messaggi lo offendeva: "Deve andarsene"
Le chat cancellate, il fidanzato, gli avvistamenti: cosa sappiamo sulla scomparsa di Andreea Rabciuc
Le chat cancellate, il fidanzato, gli avvistamenti: cosa sappiamo sulla scomparsa di Andreea Rabciuc
Samantha Migliore, arrestata Pamela Andress: andrà ai domiciliari dopo la morte della 35enne
Samantha Migliore, arrestata Pamela Andress: andrà ai domiciliari dopo la morte della 35enne
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni