Singolare quanto terribile incidente nelle scorse ore sul tratto ligure dell’autostrada A26. Questa volta non è rimasto coinvolto nessun veicolo ma un automobilista di passaggio è volato giù dal un cavalcavia dopo essersi fermato per una sosta a bordo carreggiata per fare dei bisogni. L’uomo è scivolato finendo giù dal ponte dove è rimasto esanime con gravissime ferite. L’episodio è avvenuto sula careggiata sud nella serata di lunedì,  sul viadotto San Pietro, nel territorio del comune di Masone, nella città metropolitana di Genova. La vittima dell’incidente è un cittadino francese di 35 anni che era in viaggio in Italia. Secondo quanto ricostruito dalla polizia stradale del capoluogo ligure intervenuta sul posto, pare che l’uomo abbia accostato la sua vettura a bordo strada per espletare dei bisogni fisici. Per avere più intimità, però, ha pensato bene di scavalcare il guardrail che delimita la carreggiata. A questo punto l’incidente: l’uomo era convinto che ci fosse il terreno oltre la barriera stradale ma, complice che il buio, sarebbe scivolato precipitando per alcuni metri.

L’automobilista è precipitato giù dal viadotto per almeno sette metri prima di fermarsi. Soccorso dopo una chiamata di emergenza da parte del compagno di viaggio che ha assistito all’intera scena, il trentacinquenne Francesco è stato assistito dal personale del 118, giunto sul posto con  ambulanza e automedica, e trasferito d’urgenza in codice rosso all'ospedale San Martino di Genova. Secondo le prime notizie, le sue condizioni sarebbero molto gravi, è stato intubato sul posto e traferito in ospedale. Sul luogo dell’accaduto, allertati dal centro operativo autostrade, sono accorsi anche gli agenti della polizia stradale di Genova a cui spetta ora il compito di ricostruire nel dettaglio quanto caduto ed eventuali responsabilità.