1 Ottobre 2021
18:32

Furti al volo dalle auto mentre si faceva benzina o si caricava la spesa: presa la banda di ladri

I rapinatori si mettevano in agguato in un’altra auto ferma e appena l’automobilista preso di mira si distraeva o perché era intento a fare benzina dall’altro lato della vettura o perché stava caricando nel cofano la spesa appena fatta, sgattaiolavano fuori ed entravano in azione. In tutto sono ritenuti responsabili di 39 colpi, tra furti e rapine.
A cura di Antonio Palma

Rubavano al volo dalle auto nelle situazioni più inattese approfittando proprio della distrazione delle vittime ed erano diventati così esperti e rapidi da mettere a segno decine e decine di colpi in pochi mesi, ma la loro carriera è terminata oggi quando i carabinieri di Bologna hanno smantellando la banda e arrestando tre uomini accusati di una serie di furti ai danni degli automobilisti avvenuti fra l'ottobre del 2020 e il maggio del 2021. Il gruppo si era specializzato in furti nei dintorni di supermercati e centri commerciali e nelle aree di servizio.

Il modus operandi era sempre lo stesso: i rapinatori si mettevano in agguato in un’altra auto ferma e appena l’automobilista preso di mira si distraeva o perché era intento a fare benzina dall’altro lato della vettura o perché stava caricando nel cofano la spesa appena fatta, sgattaiolavano fuori ed entravano in azione. I ladri depredavano la vettura aperta rubando ogni cosa poco ingombrante fosse presente all’interno comprese borse e portafogli. Una volta messo a segno il colpo, i ladri fuggivano a velocità elevata a bordo di auto di grossa cilindrata dotate di targhe falsificate ma simili alle originali.

Se il furto non veniva scoperto subito, in alcuni casi usavano anche eventuali bancomat e carte appena rubate prima di abbandonarle. La banda però non esitava a strattonare e aggredire le vittime nel caso queste si accorgessero del furto in atto. Per questo i ladri prediligevano sempre luoghi poco illuminati o in chiusura ma anche vittime ai loro occhi più indifese come donne sole e anziani. A seguito di una serie di denunce i carabinieri avevano avviato le indagini e anche grazie alle telecamere di sorveglianza sono riusciti a risalire ai responsabili arrestati questa mattina all’alba. Si tratta di due cugini di 36 e di 38 anni e un amico di 31, tutti residenti in aree nomadi, disoccupati e destinatari del reddito di cittadinanza. In tutto sono ritenuti responsabili di 39 colpi, tra furti e rapine, commessi in 17 comuni tra le province di Bologna e Modena  per un bottino stimato di circa 20 mila euro

Quali sono le province che oggi hanno registrato il maggior numero di contagi Covid
Quali sono le province che oggi hanno registrato il maggior numero di contagi Covid
Reggio Calabria, incendi e proiettili non fermano Siderno: cittadini in piazza contro la criminalità
Reggio Calabria, incendi e proiettili non fermano Siderno: cittadini in piazza contro la criminalità
Previsioni meteo 16 novembre: maltempo e pioggia da nord a sud
Previsioni meteo 16 novembre: maltempo e pioggia da nord a sud
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni