Sarebbe stato un malore, forse un infarto fulminante, a uccidere Eleonora Malaguti, una donna di quarantacinque anni morta subito dopo aver portato la figlia a casa dalla scuola. La tragedia si è consumata nella provincia di Ferrara nel pomeriggio di lunedì 13 gennaio. A ricostruire la vicenda è il quotidiano Il Resto del Carlino, secondo cui Eleonora è riuscita a parcheggiare l’auto, su cui c’era la figlia, davanti casa appena prima di sentirsi male. La donna era andata a prendere la figlia a scuola, insieme a un’amica che avrebbe trascorso con loro il pomeriggio, ed era arrivata con la sua Fiat Punto fino davanti a casa. Ha fermato la macchina e stava per scendere quando appunto si è sentita male. È stata la figlia, che frequenta la scuola media, a dare l’allarme. "Abbiamo sentito la ragazza che chiedeva aiuto – il racconto di un vicino riportato dal quotidiano – era scesa dall’auto. Era disperata".

"Una donna bellissima, viveva per i suoi figli" – I sanitari del 118 arrivati poco dopo hanno tentato di rianimare la donna sul marciapiede davanti casa per più di venti minuti. Ma tutto purtroppo è stato inutile. "Era una donna bellissima e gentile, di una grazia rara – raccontano ancora i vicini di casa –. Era sempre con la famiglia e con i suoi figli, viveva per loro, per la loro felicità, dedicando il suo tempo nella condivisione della vita quotidiana, giornate per crescere apprezzando tutti gli aspetti che una famiglia unita coglie. Abitavano qui da non molto tempo, ma il sorriso di Eleonora ha subito conquistato tutti. È una famiglia esemplare. Questo dramma ci addolora e ferisce tutti noi. Sono persone davvero brave. Una famiglia speciale. Che debbano vivere questa tragedia è terribile”. Oltre alla figlia che si trovava con lei quando si è sentita male, la quarantacinquenne lascia un altro figlio e il marito Massimo.