6.827 CONDIVISIONI
5 Settembre 2020
19:55

Due uomini e un bimbo danno fuoco ad un cane e lo e uccidono: ricompensa a chi aiuta nelle indagini

Cosparso di gasolio e dato alle fiamme, poi inseguito e finito con una grossa pietra. I fatti sono avvenuti a Paternò in provincia di Catania, dove da giorni si sta cercando di dare un volto e un nome ai responsabili di questa barbarie. Un professionista di Paternò ha offerto una ricompensa a chi fornirà notizie sui responsabili.
A cura di Biagio Chiariello
6.827 CONDIVISIONI

Prima hanno cercato di bruciarlo vivo, poi mentre tentava disperatamente di mettersi in salvo in un ruscello, lo hanno iniziato a colpire con delle pietre. Fino ad ucciderlo. Questa la sconvolgente fine di un cane di circa 3 anni, probabilmente randagio, domenica scorsa su una strada provinciale di Paternò, grosso centro agricolo della provincia di Catania. I responsabili sarebbero tre uomini – due adulti e un ragazzo – che avrebbero cosparso la povera bestia di gasolio e poi lo avrebbero lapidata: a metterli in fuga un gruppo di giovani che hanno chiamato i soccorsi per il povero animale. Trasferito in pronto soccorso veterinario, il randagio non ce l’ha fatta: è morto poco dopo.

“Un signore grande, uno più giovane, un bambino, hanno tirato una grossa pietra a un cane che fuggiva mentre era in fiamme – ha raccontato Massimo Anicito, presidente del gruppo animalista ‘Cani randagi’, intervenuto dopo la segnalazione -. Il cane si era gettato in un ruscelletto e lì gli hanno gettato un grosso masso in testa”. “Era ustionato, la mascella spaccata, un buco in testa”, ha raccontato Anicito.  Un professionista di Paternò ha offerto una ricompensa a chi fornirà notizie sui responsabili.

“Nelle campagne di Paternò un cane è stato barbaramente ucciso – ha scritto su Facebook il sindaco Nino Naso – La polizia municipale farà l’impossibile per individuare i responsabili di un gesto vile e vigliacco come questo. Come sindaco sono molto amareggiato per ciò che è accaduto e condanno fortemente ciò che è successo. Questo vuol dire che vi sono ancora persone, nel 2020, capaci di gesti di estrema crudeltà. Non ci fermeremo. Indagheremo come comune finché i responsabili non saranno assicurati alla giustizia”.

6.827 CONDIVISIONI
Cane in pericolo su un parete rocciosa alta 300 metri: i vigili del fuoco lo salvano
Cane in pericolo su un parete rocciosa alta 300 metri: i vigili del fuoco lo salvano
8 di Viral News
Il catamarano su cui viaggiano si ribalta, Vigili del fuoco soccorrono due persone in mare
Il catamarano su cui viaggiano si ribalta, Vigili del fuoco soccorrono due persone in mare
10 di Cronaca
Previsioni meteo 16 novembre: maltempo e pioggia da nord a sud
Previsioni meteo 16 novembre: maltempo e pioggia da nord a sud
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni