Covid 19
27 Maggio 2022
20:49

Covid, l’incidenza crolla in tutta Italia: migliora anche la situazione negli ospedali

La tabella diffusa dall’Iss sull’occupazione dei posti letto negli ospedali e sull’incidenza dei casi Covid Regione per Regione conferma che la situazione epidemiologica sta migliorando in tutta Italia.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, la situazione epidemiologica continua a migliorare. L'incidenza dei casi Covid sta crollando con una relativa velocità, mentre contemporaneamente la pressione sugli ospedali si fa meno incessante. Il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità di oggi, puntuale come ogni venerdì, conferma questa tendenza e – nella tabella con gli indicatori decisionali – mostra chiaramente come i casi Covid diminuiscano di settimana in settimana, mentre in area medica e terapia intensiva i pazienti con il virus sono sempre presenti ma in misura via via minore. A livello nazionale, per capirci, l'incidenza ogni 100mila abitanti è scesa a 261 dai 375 della settimana scorsa.

Andando a guardare il dettaglio Regione per Regione viene confermato il calo. Ci sono territori dove il numero dei contagi è ancora più alto della media nazionale, ma in generale il dato è in discesa in tutte le Regioni e Province autonome, come mostra la tabella degli indicatori decisionali.

La tabella degli indicatori decisionali dell’Iss, 27 maggio 2022
La tabella degli indicatori decisionali dell’Iss, 27 maggio 2022

Scorrendo i valori possiamo vedere come la situazione sia in netto miglioramento in tutte le Regioni, ma la Sardegna ha un'incidenza nettamente superiore a quella nazionale. Quasi il doppio. Sull'Isola nella scorsa settimana sono stati registrati 398,2 casi ogni 100mila abitanti. È il dato più alto, seguito da quelli di Abruzzo (366,3), Umbria (360,9) e Sicilia (321,8). La Provincia di Trento, invece, ha il dato più basso (190,2), seguita da Friuli Venezia Giulia (195,4) e Piemonte (199,5).

Nella stessa tabella – che continua a riportare gli indicatori decisionali che una volta servivano a decidere i colori delle Regioni, ma ora sono più che altro utili a capire l'andamento della pandemia di Covid – c'è anche il numero di posti letto occupati da malati Covid in terapia intensiva e area medica Regione per Regione. Qui il dato nazionale è 9% nei reparti ordinari e 2,6% nelle rianimazioni. Sono valori che permettono di tenere la situazione ampiamente sotto controllo. Tuttavia ci sono alcune Regioni dove ci sono più malati Covid – in percentuale – in ospedale: in Umbria il 19,6% dei posti letto in area medica è occupato da pazienti Covid – è il dato più alto, oltre il doppio del valore nazionale – praticamente uno su cinque; in terapia intensiva è il Molise ad avere il valore più alto, ovvero 7,7%, il triplo del livello nazionale.

31361 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni