266

condivisioni

CONDIVIDI
18 Ottobre 2021 15:34

Cosenza, Emanuele pestato a sangue davanti scuola: presunto aggressore confessa, ha 16 anni

Il presunto aggressore di Emanuele, lo studente quattordicenne di Castrolibero (Cosenza) brutalmente pestato all'uscita di scuola, a due settimane dal grave episodio si è autodenunciato. Il minore ha raccontato tutto ai genitori riferendo loro di essere lui l'autore dell'aggressione ai danni del ragazzo che ai microfoni di Fanpage.it aveva raccontato quanto subito.
A cura di Francesca Lagatta

L'aggressore di Emanuele, lo studente di Castrolibero brutalmente pestato all'uscita di scuola, ora ha un nome e un cognome. Poche ore dopo la pubblicazione del nostro servizio, in cui per la prima volta la vittima aveva parlato dell'accaduto, un sedicenne ha confessato di essere il responsabile dell'accaduto e i genitori hanno immediatamente informato le forze dell'ordine. Questa mattina il giovane si è presentato in caserma accompagnato dalla famiglia e dai suoi avvocati.

La lettera di scuse

La notizia si è diffusa subito dopo che un giornale locale, Cosenza Channel, ha pubblicato una lettera in cui il padre del ragazzo rivolge le scuse alla vittima e alla sua famiglia. "Il fatto – ha detto pubblicamente -, da qualunque angolazione lo si guardi, è di gravità inaudita". L'uomo, che ha firmato la missiva, si è detto distrutto dal dolore, così come la moglie e madre del ragazzo.

Il coraggio della famiglia di Emanuele

Prima che la notizia approdasse sulla stampa nazionale, il brutale pestaggio sembrava essere passato in sordina, le istituzioni erano intervenute sul fatto nettamente in ritardo e le persone presenti al momento dell'accaduto, non soltanto studenti, non si erano presentate a testimoniare, tanto che l'avvocato di Emanuele, Sabrina Rondinelli, aveva rivolto un accorato appello per chiedere aiuto: "Chi sa, parli". Mamma Adele non si era arresa e così aveva denunciato il silenzio assordante che gravitava attorno all'episodio e a sua figlio, ormai fuori pericolo, ma ancora debilitato, provato, ferito nel corpo e nell'anima, soprattutto. Nonostante la sofferenza, Emanuele aveva accettato di raccontare la sua drammatica esperienza a Fanpage.it e il nostro giornale aveva anche rivelato l'esistenza di un video in possesso degli inquirenti, già passato al vaglio degli esperti. Ventiquattro ore più tardi, un sedicenne del posto ha confessato ai suoi genitori di essere il bullo protagonista della vicenda.

Chi è il bullo

Il giovane reo confesso è poco più grande della vittima, che ha 14 anni. La famiglia è estranea a qualunque logica criminale dell'hinterland cosentino e, anzi, e il papà è uno stimato professionista. Nelle prossime ore, quando il giovane sarà sottoposto a interrogatorio, gli inquirenti potranno capire se l'aggressore abbia agito autonomamente o se nella vicenda siano coinvolte altre persone.

Continua a leggere su Fanpage.it
Trieste, Robert ucciso a 17 anni dall'amico. La madre dell'aggressore: "Era come un figlio"
Sassuolo, Giuliano si scontra in scooter contro un camion: muore a 16 anni mentre va a scuola
Sassuolo, Giuliano Napoli morto a 16 anni mentre va a scuola in scooter. Nel 2009 perse il fratellino
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni