Multe da 400 fino 1000 euro, sono queste le pesanti sanzioni scattate per il gruppo di manifestanti no mask che nel pomeriggio di sabato scorso avevano partecipato a una manifestazione non autorizzata nel centro di Bologna per protestare contro le norme anti covid tra cui appunto l’obbligo di indossare la mascherina. Si tratta di sessanta persone che secondo la polizia si sono radunate il 6 marzo scorso per la "Passeggiata a Bologna", in piena zona rossa e senza indossare mascherine percorrendo in gruppo la zona universitaria e il centro del capoluogo emiliano proprio nelle giornate in cui l'Emilia-Romagna e Bologna in particolare hanno registrato un record di contagi.

Il gruppo si era organizzato attraverso i social dandosi appuntamento alle 18 in Piazza Nettuno a Bologna, punto di partenza e arrivo della “passeggiata senza mascherina” contro “la dittatura sanitaria” che a loro dire sarebbe stata imposta dalle autorità. Una "passeggiata per la libertà riservata a coloro che vogliono tornare alla normalità, uniti contro questo governo", si leggeva nella descrizione dell’evento, "Esclusivamente per gente coraggiosa e consapevole che non indossa la mascherina, oggetto di oppressione e simbolo di questa dittatura sanitaria". Durante l'evento non erano mancati forti tensioni con i giornalisti che stavano documentando la protesta.

Anche attraverso video e immagini del momento che hanno ripreso la passeggiata per le strade cittadine, la polizia ha identificato nei giorni successivi 60 persone per le quali scatteranno ora le sanzioni. Le multe saranno recapitate a casa e andranno da un minimo di 400 euro a un massimo di 1000 euro così come prevede la legge in materia di violazione delle normative anticovid-19.