5.262 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Marzo 2020
16:53

Il fruttivendolo di Bari regala verdura e taralli: “Se hai bisogno prendi”

“Mi raccomando, è per i veri bisognosi. Si chiama solidarietà. Ho letto, visto e sentito che c’è gente che realmente ha difficoltà a mettere il piatto a tavola. Allora ho voluto essere utile in qualche modo”. Così Leo, il titolare di un negozio frutta e verdura in provincia di Bari, uno dei tanti gesti di solidarietà dentro l’emergenza coronavirus, che è emergenza sanitaria ma anche sociale.
A cura di Redazione
5.262 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Se hai bisogno prendi è gratis". Poggiati per terra, di fronte alla saracinesca del suo negozio di Modugno, in provincia di Bari, Leo ha poggiato cassette colme di frutta e verdura e anche diversi pacchi di taralli. "Non voglio farmi pubblicità, solo aiutare chi ha bisogno", spiega. "Mi raccomando, è per i veri bisognosi. Si chiama solidarietà – continua -Ho letto, visto e sentito che c'è gente che realmente ha difficoltà a mettere il piatto a tavola. Allora ho voluto essere utile in qualche modo. Siamo una comunità e alcuni valori vanno ben oltre il valore materiale e monetario delle cose". Sulla pagina Facebook delle Letizie dell'Orto, il titolare aveva scritto alcuni giorni fa: "Se non hai un lavoro e non ricevi aiuto da nessuno e hai finito la scorta di cibo, per favore non andare a dormire senza mangiare. Scrivimi in privato senza vergognarti".

La crisi economica e sociale innescata dalle misure di contenimento del nuovo coronavirus avrà una durata che è ancora difficile da prevedere. Quel che è certo è che le fasce più deboli della popolazione già stanno soffrendo, sopratutto nelle regioni meridionali. Ieri il premier Giuseppe Conte ha annunciato in un messaggio televisivo, misure straordinarie per far fronte alle necessità di decine di migliaia di cittadini che hanno difficoltà a soddisfare i bisogni più alimentari, con lo stanziamento di nuove risorse. “Abbiamo appena firmato un Dpcm in cui si anticipano 4.3 miliardi al fondo di solidarietà comunale. – ha dichiarato il premier – Con un’ordinanza della Protezione Civile aggiungiamo 400 milioni di euro da utilizzare per le persone che non hanno i soldi per fare la spesa. Da questi 400 milioni da distribuire in tutti i Comuni del territorio saranno ricavati buoni spesa o pacchi alimentari. Non lasciamo nessuno solo”.

5.262 CONDIVISIONI
31034 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni