321 CONDIVISIONI
18 Maggio 2020
17:23

Bologna, si denuda davanti a bambini e carabinieri: “Voglio purificarmi”

I fatti nel pomeriggio di ieri, 17 maggio, a Pieve di Cento: il 27enne ha detto di volersi purificare, per poi ripulire la sporcizia lasciata dagli altri frequentatori dello spazio verde. I carabinieri l’hanno denunciato per atti osceni in luogo pubblico.
A cura di Biagio Chiariello
321 CONDIVISIONI

Si aggirava completamente nudo all’interno del parco pubblico “l'Isola che Non C’è” di via Salvador Allende a Pieve di Cento, in provincia di Bologna, dove i carabinieri della stazione locale, durante i servizi di controllo e gestione dell’emergenza covid 19, hanno denunciato un ventisettenne italiano per atti osceni.

I fatti sono avvenuti ieri pomeriggio, 17 maggio, quando la Centrale Operativa del 112 della Compagnia Carabinieri di San Giovanni in Persiceto, è stata informata che un ragazzo nudo si stava aggirando all’interno del parco di Pieve, non lontano dai giochi per i bambini. I militari sono entrati nel parco e hanno trovato il giovane seminudo e in piedi su un telo da mare steso a terra. Alla vista dei militari dell’Arma, il giovane, che si trovava in compagnia di un amico, si è tolto anche gli slip sostenendo che voleva “purificarsi”, per poi ripulire i rifiuti lasciati dagli altri frequentatori dello spazio verde. Invitato a rivestirsi, il giovane è stato denunciato e allontanato.

321 CONDIVISIONI
Rogo davanti a caserma dei carabinieri a Noto: “Non ci intimidiscono, non esistono zone franche”
Rogo davanti a caserma dei carabinieri a Noto: “Non ci intimidiscono, non esistono zone franche”
Tenta di adescare bambino davanti casa a Bari, il piccolo lo filma e lo fa arrestare
Tenta di adescare bambino davanti casa a Bari, il piccolo lo filma e lo fa arrestare
Bologna, ritrovati resti umani in un sacco della spazzatura: con le ossa anche alcuni indumenti
Bologna, ritrovati resti umani in un sacco della spazzatura: con le ossa anche alcuni indumenti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni