321 CONDIVISIONI
18 Maggio 2020
17:23

Bologna, si denuda davanti a bambini e carabinieri: “Voglio purificarmi”

I fatti nel pomeriggio di ieri, 17 maggio, a Pieve di Cento: il 27enne ha detto di volersi purificare, per poi ripulire la sporcizia lasciata dagli altri frequentatori dello spazio verde. I carabinieri l’hanno denunciato per atti osceni in luogo pubblico.
A cura di Biagio Chiariello
321 CONDIVISIONI

Si aggirava completamente nudo all’interno del parco pubblico “l'Isola che Non C’è” di via Salvador Allende a Pieve di Cento, in provincia di Bologna, dove i carabinieri della stazione locale, durante i servizi di controllo e gestione dell’emergenza covid 19, hanno denunciato un ventisettenne italiano per atti osceni.

I fatti sono avvenuti ieri pomeriggio, 17 maggio, quando la Centrale Operativa del 112 della Compagnia Carabinieri di San Giovanni in Persiceto, è stata informata che un ragazzo nudo si stava aggirando all’interno del parco di Pieve, non lontano dai giochi per i bambini. I militari sono entrati nel parco e hanno trovato il giovane seminudo e in piedi su un telo da mare steso a terra. Alla vista dei militari dell’Arma, il giovane, che si trovava in compagnia di un amico, si è tolto anche gli slip sostenendo che voleva “purificarsi”, per poi ripulire i rifiuti lasciati dagli altri frequentatori dello spazio verde. Invitato a rivestirsi, il giovane è stato denunciato e allontanato.

321 CONDIVISIONI
Si imbrattano di finto sangue alla Pinacoteca di Bologna per Ischia: la protesta di Ultima Generazione
Si imbrattano di finto sangue alla Pinacoteca di Bologna per Ischia: la protesta di Ultima Generazione
“Da bambino ho visto papà uccidere mamma, me ne sono reso conto solo dopo molti anni”
“Da bambino ho visto papà uccidere mamma, me ne sono reso conto solo dopo molti anni”
Palermo, festa di battesimo finisce in rissa: feriti anche padre e nonno della neonata
Palermo, festa di battesimo finisce in rissa: feriti anche padre e nonno della neonata
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni