Una bambina di 7 anni si trova ricoverata in prognosi riservata all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. L piccola, residente in un paese in provincia di Vercelli, è stata morsa per due volte da una vipera mentre stava percorrendo una mulattiera nelle prealpi biellesi. I fatti sono avvenuti nella giornata di domenica 24 maggio. Immediatamente la bambina è stata trasportata all’ospedale di Ponderano dove è stata sottoposta agli esami e alle prime cure specifiche farmacologiche. Poi l’aggravarsi della situazione ha spinto i medici ad intubarla e trasportarla al più specializzato Regina Margherita. Le condizioni della giovanissima paziente sono lievemente migliorate: non è in coma, è cosciente e le sue condizioni si sono stabilizzate. Per lei rimane comunque la prognosi riservata.

Morso di vipera, pericolosità e cosa fare

Per quanto raro e riguardante territori rurali o montani, un morso di vipera per le vittime può anche conseguenze molto gravi (in rari casi letali, specialmente per bambini piccoli e anziani con malattie croniche o debilitanti). La pericolosità, è dovuta principalmente alla azione emotossica che crea coagulopatie (azione emorragica per via di enzimi che a piccole dosi gelificano il fibrinogeno e creano coagulazione intravascolare disseminata mentre a grandi dosi lisano il fibrinogeno e creano emorragie) e a quella neurotossica, che può causare paralisi spastica, convulsioni, alterazioni della coscienza o edema cerebrale. In caso di morso di vipera, accertato o anche solo sospetto la prima cosa da fare è contattare il 112, in modo da trasportare il paziente presso una struttura ospedaliera, dove potrà essere tenuto in osservazione e sottoposto alle eventuali cure necessarie.