Potrebbe essere dell’ex assessore di Quero Vas, Angelo Dalla Favera, l’auto ritrovata nelle acque del fume Piave nelle scorse ore ad Alano, nel Bellunese. Il ritrovamento è avvenuto nella tarda mattinata di oggi, martedì 3 dicembre, quando dalle acque del fiume è riapparsa improvvisamente la sagoma della vettura in località Fener. Sul posto sono accorsi i carabinieri della Compagnia di Feltre e i vigili del fuoco che in queste ore stanno procedendo per il recupero del mezzo inabissato. Secondo indiscrezioni mancherebbero solo l’ufficialità dell’attribuzione dell’auto bianca all’assessore veneto. L’ottantenne era considerato disperso dal 17 novembre scorso quando era sparito nel nulla dopo essere uscito di casa proprio al volante della sua vettura bianca, una Suzuki Jimny. Si era attivato il protocollo persone scomparse e le ricerche si erano concentrate nella zona e lungo il possibile percorso fatto  dell’uomo ma non erano approdate a nulla.

Favara era uscito di casa nel pomeriggio di domenica 17 novembre, intorno alle 14.30, per andare a giocare a carte in un bar del paese come faceva spesso ma non era mai arrivato a destinazione. Quando era scattato l’allarme, un paio di ore dopo, però di lui ormai non c’era nessuna traccia. A lanciare l’allarme erano stati i familiari che, non vedendolo tornare e non riuscendo più a mettersi in contatto con lui, avevano capito che gli era capitato qualcosa. Il suo cellulare è stato agganciato per l'ultima volta alla cella di Segusino. Da quel momento risulta spento. A preoccupare ancora di più per la sua sorte proprio la scomparsa della sua auto. Nonostante la mancanza di tracce, i familiari non si sono mai arresi cercandolo ovunque. "Andrò a cercare papà anche in montagna, dove ci portava da bambini" aveva dichiarato ai quotidiani locali nei giorni scorsi  la figlia Monica Dalla Favera. Oggi il ritrovamento della vettura nel fume ad Alano di Piave.