Niente più tempi bancari, dal 21 novembre anche in Italia arriveranno i cosiddetti "bonifici istantanei" che permetteranno ai clienti di alcuni istituti di credito di effettuare pagamenti veloci in soli 10 secondi. Niente più tempi di valuta, dunque, chiunque abbia necessità di effettuare un accredito urgente potrà dunque usufruire del nuovo servizio, pagando però un sovrapprezzo. Il progetto sperimentale lanciato dalla Banca centrale europea coinvolgerà in tutto 34 Paesi, tutti quelli che compongono la cosiddetta area Sepa, e permetterà ai clienti, inoltre, di eseguire bonifici 24 ore al giorno per 365 giorni all'anno. Per il momento saranno in tutto 18 gli istituti di credito che da domani, 21 novembre, renderanno disponibile il servizio e in Italia lo offriranno Intersa San Paolo, Unicredit e Banca Sella. I clienti potranno accreditare sul conto del beneficiario fino a 15.000 euro per bonifico, ma il limite e anche la tempistica di esecuzione dei bonifici potranno essere modificati con accordi bilaterali tra banche.

Per quanto riguarda i costi del servizio, anch'essi saranno decisi e applicati in autonomia dai vari istituti di credito aderenti all'iniziativa. Il progetto, proposto nel 2014 e ufficialmente partito in via sperimentale nel gennaio 2017, è basato su un sistema di pagamento istantaneo battezzato Rt1 e su una tecnologia messa a punto dall’azienda italiana Sia. Eba clearing stima che oltre cinquanta banche europee saranno pienamente operative dalla metà del 2018, mentre per la fine dell’anno prossimo l’ipotesi è che i pagamenti istantanei saranno disponibili nell’80% degli istituti bancari italiani ed europei.

Il bonifico istantaneo è già attivo nel Regno Unito, in Polonia, Turchia, Svizzera, Svezia e Danimarca, ma a partire da novembre 2018 le operazioni potranno essere progressivamente in tutti i Paesi dell’area Sepa, che comprende in tutto 34 Paesi. All’interno dell’area Sepa ci sono 19 Stati che hanno adottato la moneta unica, altri 9 che accettano pagamenti in euro e 6 Paesi esterni all’area Ue. Come anticipato, in Italia a operare il servizio dal 21 novembre saranno Intesa San Paolo, Unicredit e Banca Sella, a condizioni differenziate e con un lieve sovrapprezzo applicato al costo del normale bonifico bancario. Nel corso del 2018 arriveranno a offrire questo servizio anche altre banche italiane, come Banca Popolare di Milano, Monte dei Paschi di Siena, Deutsche Bank, Credit Agricole e Ing.