È giallo ad Adrano, in provincia di Catania, dove intorno alle 7 di questa mattina, martedì 17 aprile, è stato ritrovato il cadavere di un uomo all'interno del parcheggio di un autolavaggio, nei pressi della strada statale 284. Si tratta di un ragazzo di 25 anni, Giuseppe Dainotti, denunciato in passato per reati contro il patrimonio e residente nel quartiere catanese di Librino. Stando alle prime informazioni, è stato ucciso con un colpo di arma da fuoco, ma è ancora mistero sulla dinamica, sulla quale stanno indagando le forze dell'ordine. La vittima aveva il volto coperto da un cappuccio, il che ha spinto gli inquirenti a ipotizzare che si tratti di un rapinatore, probabilmente freddato da complici o durante un conflitto a fuoco.

Sul posto per le indagini la squadra mobile della Questura di Catania, coordinata dal sostituto procuratore Martina Bonfiglio del dipartimento reati contro la persona coordinato dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo​. Secondo un testimone sentito dagli inquirenti, il colpo letale sarebbe stato esploso accidentalmente da un altro rapinatore, con il quale la vittima stava entrando in azione nel parcheggio dove è morto. Nei dintorni, infatti, è stata rilevata l’effrazione di una macchinetta automatica per l’erogazione del carburante. Ma sono ancora solo ipotesi.