Due giovani sono morti precipitando con l’auto in un burrone in alta valle Bognanco, in Ossola, Piemonte. Secondo una prima ricostruzione, i due ragazzi si trovavano a bordo di un'auto finita fuori strada e poi in un burrone e, a causa dell'impatto, sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo morendo sul colpo. L'auto è caduta nel dirupo per oltre venti metri, uscendo dalla strada, che era asfaltata ma senza protezione, tra Bognanco e Alpe San Bernardo. Entrambe le vittime sono giovanissime: Alessio Spadazzi, il ragazzo alla guida dell'auto, aveva diciotto anni, Camilla Valentini ne aveva diciassette. Entrambi residenti nella zona, non erano tornati a casa e così le loro famiglie avevano lanciato l’allarme facendo scattare all’alba le ricerche dei due dispersi alle quali hanno partecipato una quindicina di uomini del soccorso alpino, con l’ausilio di un elicottero, volontari del 118 di Villadossola, militari della Guardia di Finanza e dei Carabinieri.

Entrambi i giovani erano molto conosciuti nell’ambiente sportivo ossolano – Per il recupero dei corpi dei due giovani, trovati in un burrone cento metri sotto la carreggiata poco prima dell'alpe San Bernardo (circa 1600 metri di quota) tra alberi e rovi, è stato necessario l'intervento dell'elisoccorso del 118. Le salme sono state portate presso l’obitorio di Domodossola. Solo in un secondo momento, da quanto si è appreso, i soccorritori hanno trovato anche l'auto dei due giovani, una Volkswagen Polo finita ancora più a valle, in un posto molto impervio. Alessio Spadazzi e Camilla Valentini, secondo quanto riportano i quotidiani locali, erano entrambi molto conosciuti nell'ambiente sportivo ossolano. Il ragazzo ha giocato nelle due squadre di pallacanestro di Domodossola (Rosmini e Cestistica) mentre Camilla gareggiava per la Bognanco.