in foto: Immagini del deragliamento (@Getty Images).

E' salito ulteriormente il numero delle vittime della sciagura ferroviaria in Egitto. Al momento si contano almeno 43 morti e 123 feriti. La strage è stata causata dall'impatto tra due convogli nella zona di Jorshed, vicino alla stazione di Abis, alla periferia della seconda più grande città egiziana, Alessandria. Secondo quanto riportato dal portale del giornale governativo egiziano Al Ahram, uno dei due convogli proveniva dal Cairo e l'altro da Port Said.

Il procuratore Nabil Sadeq ha disposto l'apertura immediata di un'inchiesta e, secondo prime indagini, è probabile che l'incidente sia stato causato da errore umano. Precisamente, il treno proveniente dal Cairo si è dovuto fermare per un guasto. L'altro convoglio, per evidenti errori di comunicazione, ha proseguito la sua corsa, travolgendo l'altro mezzo di trasporto pubblico. Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha espresso le proprie condoglianze alle famiglie delle vittime.

Gli incidenti ferroviari non sono purtroppo rari in Egitto negli ultimi anni: nel 2012 lo scontro tra uno scuolabus e un treno a Manaflut aveva causato 51 morti, per lo più bambini. Nel 2013 un deragliamento a Giza aveva ucciso 19 persone, mentre nel 2016 sono stati cinque i decessi causati da un altro deragliamento ad Al-Ayat.