Voleva solo regalare abbracci gratis a sconosciuti in strada in uno degliappuntamenti di free hugs ma uno dei tanti abbracci offerti con generosità ci ha messo lo zampino e per lei è scattato il colpo di fulmine. È la storia di Emanuela Setti, giovane trevigiana che sabato scorso si era offerta come volontaria  alla giornata dei free hugs in piazza dei Signori a Treviso non pensando minimamente di poter trovare la sua anima gemella. Emanuela però è rimasta colpita inesorabilissime dalle frecce di Cupido e ora cerca aiuto per trovare il suo uomo . Decisivo come detto è stato uno degli abbracci riservato ad un ragazzo che si trovava a passare per caso  ma che ha colpito nel segno la giovane.

"A un certo punto ho abbracciato un uomo. Ci siamo stretti sempre più forte. E lui mi ha sussurrato che non aveva mai abbracciato così. Nemmeno io, non riuscivo a parlare" ha raccontato la donna al quotidiano locale Il Gazzetino nel tentativo di chiedere aiuto per ritrovare quell'uomo. Nonostante la forte sensazione, infatti, nessuno dei due ha avuto il coraggio di dirsi di più e poco dopo le loro strade si sono divise. "Non era una passione fisica: ho pensato finalmente sei tornato, finalmente avrai cura di me. Una sensazione incredibile" ha raccontato ancora Emanuela. Gli unici dati che la donna conosce dell'uomo è che si chiamava Francesco, ma la sicurezza sul nome non c'è, dovrebbe avere tra i 40 e i 50 anni, capelli rossicci e accento del Sud.