Raffaele Zanfardino
INFO
Sono nato a Napoli, in data 01/07/1988. Giornalista pubblicista dal 2009, ho all’attivo diverse collaborazioni con testate cartacee e on line. Ho conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione all’Università degli Studi di Napoli “Suor Orsola Benincasa” nel novembre del 2009 mentre ho conseguito la Laurea Magistrale in “Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione” all’Università degli Studi di Roma “Sapienza” nell’Ottobre del 2011. Sono direttore responsabile della testata calcistica Soccer Magazine.
TWITTER

Raffaele Zanfardino

Raffaele Zanfardino

Adesso Monti vuole ascoltare il Presidente della Corte dei Conti?

Il Presidente della Corte dei Conti boccia l'operato del Governo Monti. Eppure lo avevano capito da tempo anche i cittadini che l'austerità porta verso un vicolo cieco.

Fra litigi, primarie e accordi elettorali ci si è dimenticati della cultura: eppure potrebbe farci uscire dalla crisi....

Il patrimonio artistico dovrebbe essere una risorsa da utilizzare per rialzare questo Paese: ma sembra che nessuno voglia capirlo....

Schwazer e Conte: due stili, due culture e due reazioni diversi

Non esiste solo lo spread finanziario ma può essere anche etico e morale. Conte e Schwazer ne sono l'esempio più lampante.

Problemi con la giustizia per un politico? È un ladro. Il calciatore invece...

Il sentimento di disprezzo verso i politici risparmia i calciatori i quali, per molti settori dell'opinione pubblica, a dispetto di chi ci governa, sono automaticamente innocenti. Qualsiasi cosa gli contesti la giustizia.

Lo sport spagnolo e il doping: il mio approfondimento per "sMash Tv!"

Sul doping nello sport spagnolo girano silenziosamente strane voci. Verità o bufale? Francesco Buonaurio, un videomaker molto attivo sul web, ha deciso di dar valore ai miei interrogativi inserendoli in una puntata per "sMash Tv!". E voi lettori, cosa ne pensate?

E adesso non salite sul carro dei vincitori...

Il sorprendente campionato europeo degli azzurri zittisce chi non credeva negli uomini di Prandelli. Ma intanto c'è già la fila per salire sul carro dei vincitori.

segui fanpage

segui Raffaele Zanfardino

IN EVIDENZA