Due giorni fa quattro bambini si sono svegliati al mattino per andare a scuola e hanno scoperto che i loro genitori, un uomo di trentasei anni e la moglie di trentaquattro, erano morti nella loro camera da letto. Entrambi morti, stando alle prime ipotesi, per una overdose di un mix di droghe. Il dramma si è registrato in una casa di Centerville, nell’Ohio. Le vittime sono Brian J. Halye, un pilota della Spirit Airlines, e la moglie Courtney A. Halye. “Mi sono appena alzato e ho trovato i miei genitori sul pavimento della loro camera da letto al piano superiore. Mia sorella dice che non si svegliano”, così uno dei bambini della coppia ha dato l’allarme al 911. “Non respirano”, ha aggiunto il bambino.

La polizia intervenuta sul posto ha detto di aver trovato nella casa elementi che fanno pensare a un abuso di droghe da parte della coppia ma per avere la certezza della causa del decesso di Brian e Courtney sarà necessario aspettare i risultati di altre analisi. L’uomo, secondo quanto confermato dalla stessa compagnia aerea Spirit Airlines, lavorava come pilota da nove anni e aveva effettuato il suo ultimo volo il 10 marzo scorso. La compagnia aerea ha anche comunicato che i loro dipendenti vengono sottoposti a test casuali per droga e alcol. La moglie, stando a quanto comunicato dalla madre, era diabetica e aveva problemi di depressione.

Secondo quanto si legge sui media americani, i quattro bambini che vivevano con la coppia e che hanno dato l’allarme al 911 hanno 9, 10, 11 e 13 anni. Due di loro sono nati dal precedente matrimonio della donna mentre gli altri due da una precedente relazione dell’uomo. Tutti sono stati affidati a familiari.