Il mondo della moda italiana è in lutto. Si è spenta oggi a Roma la stilista Carla Fendi, uno dei nomi legati indissolubilmente allo storico e omonimo marchio di famiglia Gruppo Fendi al cui successo ha contribuito con le quattro sorelle e di cui era Presidente onorario. Carla Fendi è morta all'età di 80 anni dopo un lunga malattia che l'aveva colpita pesantemente fino a farle rinunciare alla vita pubblica.

Entra nell'azienda di famiglia ancora giovanissima, alla fine degli anni ’50 dopo gli studi classici, ha lavorato per anni a fianco delle sorelle Paola, Anna, Franca e poi Alda. Era passata dall’amministrazione alla progettazione e dagli anni sessanta si era dedica anche al settore delle relazioni pubbliche aiutando il marchio del made in Italy a espandersi all'estero. E' a lei infatti che si deve l'internazionalizzazione del marchio Fendi  anche se amava ripetere: "Siamo come le cinque dita di una mano, diceva sempre nostra madre, ognuna ha la sua funzione".

Dopo una esistenza passata proprio insieme alle sorelle a lavorare nella progettazione dello stile del marchio al fianco di Karl Lagerfeld, nel 2007 aveva creato, insieme al marito Candido, la Fondazione Carla Fendi che opera con azioni di mecenatismo allo scopo di supportare le arti, l’artigianato e il sociale. Nonostante una vita lavorativa molto impegnata infatti non aveva rinunciato all'amore e alla famiglia. Risale agli anni '60 l'incontro con Candido Speroni, l'amore della sua vita, che è stato suo marito per 50 anni e fino alla morte, nel 2013.