Sarebbero state le temperature gelide di questi giorni ad uccidere un 57enne di origine marocchina con passaporto italiano, Lour Mohammed, trovato cadavere in un casolare nelle campagne del tarantino, tra Sava e Lizzano, in contrada Curti Dell’Oro. A chiamare il 118 è stato un vicino dell’uomo. Il personale medico lo ha rinvenuto nel letto, un giaciglio composto da un materasso e una rete malmessa, rannicchiato sotto le coperte. Il suo corpo era rigido e il decesso risalirebbe alla notte scorsa. La vittima, a quanto si apprende, viveva da sola nella casupola in aperta campagna priva di qualsiasi servizio.

Non è l’unica vittima del maltempo di questi giorni in Puglia. Nel Leccese un uomo di 77 anni di Trepuzzi è stato trovato morto nella sua abitazione. Anche in questo fatale sarebbe stato il grande freddo. La drammatica scoperta è stata effettuata dal figlio 47enne, che non aveva contatti col genitore da alcuni giorni. L’uomo è morto per arresta cardiaco ma, secondo i riscontri del medico legale, sarebbe stato fatale il gelo che ha avvolto la Puglia nei giorni scorsi, con le temperature anche in Salento scese parecchio al di sotto delle medie stagionali.

In precedenza l’emergenza neve aveva già fatto una vittima ad Altamura, una 49enne morta dopo avere battuto la testa scivolando sulla strada ghiacciata, e un anziano 82 anni, deceduto nella casa dove viveva da solo a Torre Santa Susanna, in provincia di Brindisi. L’abitazione era del tutto priva di riscaldamento.