A pochi giorni dalle dichiarazioni dell'ex tata della piccola Madeleine McCann, la bambina inglese scomparsa ormai quasi dieci anni fa da una località turistica del Portogallo dove si trovava insieme alla sua famiglia, il caso della piccola Maddie torna sui media britannici a causa di una notizia lanciata da una tv australiana. Una troupe ha realizzato un documentario sulla sparizione di Maddie McCann che andrà in onda domenica sera e nel trailer pubblicato in rete che presenta il programma si fa riferimento a una importante “svolta”. Nel corso del programma, insomma, secondo quanto annunciato dalla tv emergeranno “grandi novità” che potrebbero portare a scoprire finalmente la verità su quello che è successo alla piccola Maddie il 3 maggio del 2007.

Il trailer del documentario sulla piccola Maddie mostra la presenza di diversi personaggi tra criminologi, psicologi e giornalisti che hanno studiato il caso della bambina britannica. Tra i tanti anche la criminologa Pat Brown, che già in passato ha detto che i coniugi McCann devono arrendersi all’idea che la loro bambina non sarà più ritrovata in vita. Questo però è tutto ciò che lascia intendere il trailer del programma: nella clip di presentazione non viene infatti svelato altro a proposito della presunta svolta del caso. Un portavoce della famiglia di Maddie ha chiesto che tali informazioni, se rilevanti ai fini  delle indagini, debbano essere fornite immediatamente alla polizia per permettere agli investigatori di portare avanti le ricerche della bambina, che oggi avrebbe tredici anni.

Madeleine McCann era in vacanza con i genitori e i fratelli quando il 3 maggio 2007 è scomparsa da un appartamento nella zona centrale di Praia da Luz. I genitori hanno affermato di averla lasciata senza sorveglianza in una camera al pianterreno del residence dove alloggiavano per le vacanze mentre loro mangiavano in un ristorante poco distante.