Sembra non essere molto fortunato il Movimento 5 Stelle siciliano. Dopo le problematiche insorte nei mesi scorsi in relazione all'inchiesta sulle firme false delle comunarie di Palermo del 2012, ora un'altra tegola colpisce il M5S in Sicilia: come riporta Live Sicilia, il giudice Claudia Spiga – chiamato a pronunciarsi in merito al ricorso presentato da Mauro Giulivi, attivista parlermitano escluso dalle regionarie online per la scelta dei candidati alle prossime elezioni siciliane – ha sospeso con provvedimento cautelare interlocutorio l'esito delle votazioni online, congelando dunque la vittoria di Giancarlo Cancelleri e rinviando la causa al prossimo 18 settembre per l'integrazione del contraddittorio nei confronti di tutti i candidati classificatisi in posizione utile per entrare in lista al voto del 5 novembre.

Giulivi da tempo è molto critico nei confronti del Movimento 5 Stelle siciliano e l'acredine risale in particolare alle scorse comunarie di primavera, le elezioni online che hanno consacrato candidato sindaco di Palermo Ugo Forello. In quell'occasione all'attivista Giulivi venne richiesto di firmare un codice comportamentale necessario per potere entrare in lista con i Cinquestelle. Giulivi però si rifiutò di sottoscriverlo: "Con un preavviso di due ore e 30 minuti mi è stato chiesto di recarmi presso una fantomatica sede e firmare un documento mai letto prima", sostenne. La mancata firma al codice comportò dunque una serie di sanzioni disciplinari, tra cui l'esclusione dalle ‘Regionarie', motivo che lo ha portato a presentare il ricorso.

Secondo la difesa, l'esclusione di Giulivi nacque da una motivazione "pretestuosa e strumentale", che renderebbe "illegittime" le ‘Regionarie' del Movimento cinque stelle. Il disciplinare legato alle ‘Comunarie' di Palermo dunque, secondo Giulivi non avrebbe solide basi e sarebbe solo "un espediente" per impedirgli di scendere in campo alle elezioni regionali.

La replica del Movimento 5 Stelle.

A pochi minuti dalla diffusione della notizia, il Movimento 5 Stelle ha replicato e sostenuto che "M5Se in Sicilia ci sarà, non c'è nessun rischio caos. Il tribunale ha semplicemente accolto il ricorso di un iscritto che vuole essere in lista e, come misura cautelare, ha sospeso le regionarie. Ciò non toglie che il MoVimento 5 Stelle parteciperà alle elezioni, come previsto, e lo farà seguendo le decisioni che verranno prese dal tribunale. Il tour in Sicilia continua oggi con il candidato presidente Giancarlo Cancelleri e Luigi Di Maio in visita nel messinese dove incontreranno allevatori e pescatori. Vogliamo raccontare a tutti il nostro programma per fare della Sicilia la prima regione a 5 Stelle".