dal blog di
13:55

L’Italia perde, Radio Padania Libera gioisce

Ancora una volta l'emittente vicina alla Lega Nord mette in mostra tutto il suo sentimento anti-italiano.

L'Italia perde, Radio Padania Libera gioisce.

Al triplice fischio finale della partita Spagna – Italia, non sono soltanto i nostri cugini iberici a festeggiare, ma anche quei simpatici fratelli guasconi della Lega Nord.

Da tempo Radio Padania Libera segue le partite della nazionale italiana di calcio con quel vile sentimento di tifo contro, in altre parole gufando, e alla prima occasione manifesta tutta la sua gioia per la sconfitta.
Finito dunque il tempo in cui Balotelli veniva indicato come il tipico esempio di padano con pelle scura. Radio Padania s’è desta e torna a sputare idiozie.

Dopo il tifo per Inghilterra e Germania, si sono finalmente goduti il successo grazie alla Spagna, non propriamente un Paese dalla spiccata anima nordica, ma va bene così, l’importante è che l’odiata banda azzurra non abbia vinto.

Nel tempo, da questa emittente è passato di tutto, cominciando dalle prime telecronache contro ai mondiali di calcio 2010, fino alle risse on air, come quella dell’inizio di quest’anno quando, in concomitanza con il salvataggio alla Camera di Nicola Cosentino, il conduttore Roberto Ortelli fu travolto da decine di telefonate di ascoltatori imbestialiti per l’accaduto.

Del resto se il padano DOC Matteo Salvini in un’intervista affermò che la Radio serve a valutare che aria tira, a misurare la pancia del popolo, capiamo ben presto perché ciò che ne esce non sia poi così interessante…

E non è poi così rilevante nemmeno ricordare che Radio Padania Libera usufruisce di finanziamenti pubblici italiani per ben 700mila euro, non gli si può mica chiedere di restituirli? E a chi poi… ad Inghilterra e Germania? Ma va la!!!

Godetevi lo spettacolo del VIDEO che è meglio…

segui fanpage

segui Paolo Minucci

ALTRI DI Paolo Minucci
La piattaforma integrata, completamente gratuita, per "scoprire, ascoltare e condividere musica" è ora disponibile in lingua italiana. Ecco perché nel nostro paese può funzionare.

Dopo la pizza celebrativa per Giancarlo Siani, è il momento fermare questa stupida, controproducente abitudine: l'omaggio a colpi di marchette che mortifica una città.

L'antichissimo sito archeologico nei pressi di Nola sarà nuovamente interrato, nell'indifferenza (quasi) generale.
FANPAGE D'AUTORE
STORIE DEL GIORNO