Per la prima volta nella storia i medici sono riusciti a trapiantare con successo ben due mani su un paziente di appena 8 anni. È accaduto a Philadelphia, nello stato della Pennsylvania, negli Stati Uniti dove il piccolo protagonista di questa storia , Zion Harvey, è apparso ieri sorridente in una conferenza stampa al Penn Medicine and Children's Hospital. L'intervento infatti ha avuto pieno successo e il bambino presto potrà usare entrambi gli arti dopo un percorso di riabilitazione nella stessa struttura. L'operazione chirurgica, durato oltre dieci ore, è stata effettuata all'inizio di questo mese ma i medici hanno voluto aspettare che non si verificassero episodi di rigetto, sempre possibili nei trapianti, prima di dare la notizia ufficialmente. Comprensibile la felicità del bambino che aveva perso entrambe le mani e gli avambracci quando aveva solo 2 anni a causa di una gravissima infezione che gli era costata anche l'amputazione di un piede.

Il piccolo Zion Harvey è diventato il più giovane paziente a sottoporsi a un doppio trapianto di mano. Nel mondo infatti ci sono stati solo 25 trapianti di mano ma questa è la prima volta che l'intervento ha avuto successo su un bambino. La procedura molto complessa ha richiesto l'intervento di un team di sanitari composto da ben 40 persone. Ora Sion dovrà trascorrere diverse settimane in riabilitazione fisica in ospedale prima di poter tornare a casa a Baltimora dove lavorerà ancora per mesi sui movimenti con i terapisti più volte al giorno.