Nel corso della sua carriera nel corpo della Guardia di Finanza ha portato a terme decine di operazioni di contrasto allo spaccio si sostanze stupefacenti facendo sequestrare 76 chili di cocaina, 627 di hashish e 2 di eroina e marijuana. Ora dopo dieci anni di onorato servizio, ora però lascerà per sempre il corpo per godersi finalmente il riposo della pensione. Stiamo parlando di Sac, uno dei cani antidroga più famosi d'Italia che grazie all'attività nelle fiamme Gialle aveva anche ricevuto il “Premio internazionale di fedeltà del cane” per il servizi resi alla collettività.

Nato nel 2006 nel centro allevamento e addestramento cinofilo del corpo di Castiglione del Lago, in provincia di Perugia, l' esemplare di labrador, dopo un anno di addestramento, nel 2007 era stato assegnato alla squadra cinofili del I gruppo di Genova dove è rimasto per tutta la sua carriera da finanziere. "In questi giorni, a causa dei primi acciacchi fisici legati all’età, ha lasciato il servizio attivo per godersi una meritata “pensione” hanno fatto sapere dal comando provinciale della Guardia di Finanza assicurando però che per Sac è già pronta la nuova casa.

Il cane antidroga infatti, come capitato a tanti altri suoi colleghi  quattro zampe, sarà accolto dalla famiglia del suo istruttore. "Il percorso della sua ‘terza età' inizia nella famiglia del finanziere che da anni lo addestrava e conduceva, a cui adesso è stato affidato anche il cane antivaluta Babol, specializzato nella ricerca di denaro contante occultato sulla persona o all’interno dei bagagli" hanno spiegato infatti dalle Fiamme Gialle.