Viveva in una baracca fuori Genova dove aveva obbligo di dimora. L'uomo, un pregiudicato noto alle forze dell'ordine, ha abusato della figlia di 14 anni durante le visite che questa gli faceva. A raccontarlo è stata la giovane che, una volta rientrata a casa dalla madre, ha avuto il coraggio di rivolgersi alla nonna che a sua volta si è rivolta all'autorità giudiziaria e sono scattate la manette per il 57enne.
A effettuare l'arresto i poliziotti della Squadra mobile di Genova.

L'uomo è accusato di violenza sessuale aggravata su minore ed è stato rinchiuso nel carcere di Pontedecimo. E' in stato di isolamento: visto il tipo di reato commesso, gli inquirenti temono che il pregiudicato possa essere aggredito dagli altri detenuti. Si sospetta che l'uomo abbia agito sotto stupefacenti. La ragazzina portava sul corpo i segni degli abusi. Al pronto soccorso le sono state diagnosticate lesioni compatibili con la violenza subita. La minore, che era in stato di choc, è stata affidata a un'equipe di assistenti sociali e psicologi.

Non è ancora chiaro se sia trattato della prima volta o è stata la prima volta che la ragazzina ha avuto il coraggio di raccontare. La nonna, che ha visto la piccola riaccompagnata a casa dal padre che poco prima aveva abusato di lei, aveva subito notato qualcosa di strano e si era fermata a parlare con la nipote che aveva, poi, raccontato in stato di choc quanto accaduto. L'anziana ha contattato immediatamente contattato le forze dell'ordine che dopo alcuni giorni di indagini hanno proceduto all'arresto del padre che era nella stessa baracca dove avrebbe commesso gli abusi perché già obbligato da un precedente obbligo di dimora. L'uomo, alla vista delle forze dell'ordine non ha opposto resistenza e nei prossimi giorni sarò ascoltato dai giudici della sezione penale di Genova.