Stava giocando a bordo della piscinetta della villa in cui stava trascorrendo le vacanze di Pasqua insieme ai genitori, quando all'improvviso ci è caduto dentro ed è annegato. Un bimbo di soli due anni, di cui non sono state rese note altre generalità, è morto così a Torrette, in provincia di Palermo. Inutile la corsa disperata dei genitori all'ospedale pediatrico "Cervello" della città siciliana: i medici, infatti, non hanno potuto far altro che decretarne il decesso. Intanto, i carabinieri sono a lavoro nel tentativo di ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Secondo una prima ricostruzione, pare che il piccolo stesso giocando in giardino, mentre il padre prendeva il sole ed era impegnato in alcune faccende nella casa di villeggiatura. Poi, la scomparsa. La coppia di genitori lo ha ritrovato all'interno della piscinetta, piena di acqua piovana. Subito i due hanno chiamato i soccorsi, andando anche incontro all'ambulanza che stava arrivando. Ma, come hanno riferito agli inquirenti, durante il tragitto, l'auto sulla quale viaggiavano ha avuto un guasto, rallentando ulteriormente le operazioni di salvataggio del figlio.

Quando il 118 li ha raggiunti, il bambino respirava a stento ed è arrivato già morto in ospedale. I militari della compagnia di Carini stanno cercando di chiarire i fatti, raccogliendo le testimonianze e il racconto dei genitori, dei parenti e del medico legale.