Ha destato non poca sorpresa e dolore la morte improvvisa di Paolo Battocchio, quarantanovenne di Marostica, in provincia di Vicenza, istruttore nella palestra che aveva fondato 30 anni fa, la Virtus di via Rino Frigo.  L'uomo nei giorni scorsi era stato sottoposto ad un intervento chirurgico di routine al cuore, al San Bortolo di Vicenza, ma le sue condizioni post operatorie si sono via via aggravate, fino al decesso. La notizia della sua scomparsa si è diffusa sui social network e numerosi, tra amici ed ex allievi, hanno scritto un pensiero per lui. L'uomo collaborava anche con la piscina Conca Verde di Borso del Grappa, che ha pubblicato un commosso cordoglio.

Come riporta Il Gazzettino Battocchio "era la salute fatta persona", tuttavia da anni si trascinava una disfunzione a una valvola aortica, problema che – almeno in teoria – non avrebbe dovuto destare particolari preoccupazioni. L'uomo è finito sotto i ferri all'ospedale verso fine agosto, dopo 3 rinvii.  Il 49enne, che gli amici amavano chiamare Paolone per la sua stazza fisica, è stato in coma farmacologico e le sue condizioni sono gradualmente peggiorate, fino a precipitare.

Sulla morte di Paolo Battocchio la Procura di Vicenza ha aperto un fascicolo di inchiesta dopo aver disposto l'autopsia. L'esame verrà effettuato domani e dagli esiti si attendono risposte certe sulle cause della morte. Mercoledì, con ogni probabilità, sarà celebrato il funerale. Il 49enne lascia due fratelli e la compagna, sotto choc, ma anche centinaia di amici.