12:54

Spesometro, arriva la proroga al 31 gennaio 2014

Proroga al 2014 per lo spesometro, lo strumento che dovrà aiutare l'Agenzia delle Entrate a individuare gli evasori dell'Iva. Ecco tutte le scadenze.

Spesometro, arriva la proroga al 31 gennaio 2014.

Spesometro, arriva l’attesa – e richiesta – proroga al 31 gennaio 2014. Troppe le difficoltà nella comunicazione delle operazioni Iva e le integrative all’Archivio dei rapporti finanziari: per questo motivo l’Agenzia delle Entrate ha aperto una finestra temporale che consentirà di inviare i dati fino al 31 gennaio 2014. Al momento molti cittadini vedono questo strumento come un oggetto non identificato. M cos’è esattamente lo spesometro? È un’arma per combattere l’evasione fiscale. Potrà consentire all’Amministrazione Finanziaria di verificare e fare prevenzione riguardo tutte le eventuali azioni fraudolente derivanti da operazioni di vendita tra più soggetti che hanno il fine di fregare il fisco non pagando l’iva. Con lo spesometro l’erario potrà monitorare le spese dei cittadini e attivare gli accertamenti fiscali sui potenziali evasori. In soldoni: se un individuo dichiara una miseria e poi acquista come un nababbo, scattano i controlli. Ora questo strumento – spiega la Cgia di Mestre, slitterà. L’Agenzia delle Entrate il 5 novembre 2013 ha emanato un provvedimento con il quale proroga l’apertura fino al 31 gennaio 2014 di Entratel e Sid per lo spesometro e l’integrazione dell’Archivio dei rapporti finanziari. Entro quella data dovrà avvenire dunque la comunicazione da parte degli operatori finanziari dei dati rilevanti ai fini Iva, di importo pari o superiore a 3.600 euro, nei casi in cui i pagamenti siano stati effettuati via Pos.
Ecco lo schema riportato da Cgia Mestre:

Operazioni rilevanti Iva con Pos con proroga al 31 gennaio 2014
Più tempo per inviare la comunicazione dei dati rilevanti ai fini Iva, di importo pari o superiore a 3600 euro, nei casi in cui i pagamenti siano stati effettuati via Pos.

Nuovo spesometro via Entratel fino al 31 gennaio 2014
Gli operatori economici che devono effettuare la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva relative all’anno 2012 – previste entro il 12 novembre 2013 (per chi effettua la liquidazione mensile) ed entro il 21 novembre 2013 per tutti gli altri – hanno più tempo per effettuare l’invio dei dati attraverso il canale comunicativo Entratel, che rimarrà aperto fino al 31 gennaio 2014.
Entro lo stesso termine si potranno inviare anche gli eventuali file che annullano o sostituiscono i precedenti invii.

• Archivio rapporti finanziari: il Sid resta aperto fino a fine gennaio
Tenuto conto delle difficoltà collegate all’interscambio dei flussi e alla nuova procedura di registrazione al Sid (Sistema di Interscambio Dati), viene estesa la validità degli invii dei dati al 31 gennaio 2014.
Entro lo stesso termine, gli operatori finanziari potranno trasmettere all’Archivio dei rapporti finanziari anche gli eventuali file che annullano o sostituiscono i precedenti invii.

Beni d’impresa ai soci: la scadenza resta il 12 dicembre
La nuova scadenza del 31 gennaio non riguarda quella della comunicazione dei beni d’impresa concessi ai soci che resta fissata al 12 dicembre.

commenta
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE