Domanda: "Vogliamo sapere se il governo canadese sta collaborando con gli Stati Uniti per sviluppare una strategia internazionale contro gli zombie e fare in modo che una eventuale invasione non si trasformi in una apocalisse". Risposta: "No, perché il Canada non diventerà mai un rifugio per gli zombie". Il bizzarro scambio di battute non è tratto dall'ultima puntata della fortunata serie tv sui non-morti Walking Dead e nemmeno dalla nuova pellicola cinematografica di George Romero. Arriva direttamente dal parlamento canadese. Protagonisti sono Pat Martin, deputato del New Democratic Party, e John Baird, Ministero degli Esteri. Il primo ha chiesto apertamente al governo un provvedimento per combattere i morti viventi. "Non ho bisogno di ricordarvi – ha detto rivolgendosi al primo ministro Stephen Harper – che gli zombie non conoscono confini e che un'invasione di zombie negli Stati Uniti, può facilmente trasformarsi in una pandemia a livello globale, se non arginata con le dovute misure", ha detto Martin. A dispetto dell'ilarità creatasi in aula, il ministro ha risposto sprezzante: "Ci impegneremo per a far sì che questo non accada",aggiungendo che "sotto la guida del primo ministro, il Canada non potrà mai diventare un porto sicuro per gli zombie".

Ebbene, la domanda di Pat Martin, per quanto singolare, non è arrivata propriamente a caso. Innanzitutto il parlamentare si è ricollegato al meeting annuale sulla sicurezza civile organizzato nella provincia francofona canadese del Quebec, il cui tema annuale sarà proprio sul come gestire un attacco di zombie e altri argomenti correlati. Gli zombie naturalmente sono ipotetici, come sottolineato da Denis Landry, direttore del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Quebec, a Canadian Press. L'idea è quella di ricreare e arginare un'invasione dei morti viventi per un obiettivo più generale: preparare i partecipanti ad un possibile evento catastrofico nella vita reale. Certo è, che ad alimentare il timore per una ipotetica e quanto mai assurda apocalisse zombie ci si mettono anche gli hacker:  "I corpi dei morti si stanno alzando dalle loro tombe e attaccando i vivi". L'allarme è stato lanciato qualche giorno fa su due emittenti televisive americane (Krtv e Cw) del Montana, durante la normale programmazione. Uno scherzo perfettamente riuscito che ha mandato nel panico tantissime persone. Solo successivamente le due emittenti hanno smentito l'annuncio: "Qualcuno ha hackerato il sistema di allarme di emergenza e ha annunciato che i cadaveri starebbero uscendo dalle loro tombe in diverse contee del Montana".