Sono nato a Torino nel 1983 e insegno Storia della filosofia in Università. Mi considero allievo indipendente di Hegel e di Marx. Intellettuale dissidente e non allineato, sono al di là di destra e sinistra, convinto che occorra continuare nella lotta politica e culturale che fu di Marx e di Gramsci, in nome dell’emancipazione umana e dei diritti sociali. Resto convinto che, in ogni ambito, la via regia consista nel pensare con la propria testa, senza curarsi dell’opinione pubblica e del coro virtuoso del politicamente corretto.
Ecco perché attaccano la scuola e ci vogliono ignoranti
L’Europa è morta: uccisa dal conformismo del pensiero unico
Contro ogni forma di nazionalismo: in difesa della solidarietà tra gli Stati
Eutanasia: scelta di dignità o liberalizzazione della morte?
Il governo ungherese odia la filosofia: rimossa la statua di Lukàcs, ebreo e marxista
Partenone, ‘no’ alla sfilata. Da Platone a Tsipras la Grecia è maestra di civiltà
Festival di Sanremo, se Gramsci fosse vivo cosa ne penserebbe?
Trump sbaglia sull’Islam, lo dice anche Aristotele
L’amore, rivoluzionario per sua essenza
Il colonialismo di oggi si chiama globalizzazione