Vent'anni fa, il 26 giugno 1997, usciva in libreria per la prima volta "Harry Potter e la pietra filosofale", il primo di sette romanzi fantasy che avrebbe consegnato per sempre alla storia della letteratura e del cinema la saga del maghetto più amato di tutti i tempi. Da quel giorno, i libri di J.K. Rowling non hanno smesso di incantare generazioni di giovani e meno giovani. Per l'occasione, per oggi a Bolton nel Regno Unito, è previsto un raduno con oltre 600 persone che si travestiranno indossando la maschera di Harry Potter.

Il mega raduno, annunciato dalla casa editrice Bloomsbury per celebrare l'anniversario, si va ad aggiungere alle diverse iniziative che ci saranno nel Regno Unito, dove più di venti librerie hanno organizzato giochi e quiz sulla saga di J.K. Rowling, mentre la British Library prepara per l'autunno una mostra interamente dedicata all'apprendista mago.

Il manoscritto rifiutato 8 volte dagli editori.

Ma che paese era il Regno Unito nel 1997? All'epoca della pubblicazione del primo episodio della saga di Harry Potter, era trascorso a malapena un mese dalla elezione di Tony Blair a premier del governo britannico. Precedentemente quel libro era stato respinto già otto volte dagli editori, la cui autrice era una madre single e divorziata che sopravviveva grazie all'assistenza sociale e passava le giornate a scrivere in un pub di Edimburgo.

J.K. Rowling: la scrittrice più ricca del mondo.

Vent'anni dopo l'autrice di Harry Potter è la scrittrice più ricca e famosa del mondo. I suoi libri sono stati tradotti in ben 70 lingue, dalla saga delle avventure di Harry Potter sono stati tratti otto film, senza considerare le opere teatrali, i fumetti, oltre a tre parchi a tema dedicati esclusivamente al mondo di Harry Potter, due negli Stati Uniti, a Orlando e Hollywood, e un terzo in Giappone, a Osaka.